Imputami il peccato di voler sopravvivere

0027

(foto di Deborah Capacchione)

Mi blocchi continuamente e mi parli,
mio cuore,
di fermarmi in questo silenzio sospeso,
denso,
il rumore dei miei passi lo disturba,
così mi muovo a tratti,
presa tra la bellezza e il senso del dovere:
incontrare amiche addolorate,
supermercati, traffico, soldi che puzzano.
Cancellerei tutto
per star sola con te mio cuore,
che nessuno riesce ad amarci.

(Anna Mosca)